Passa ai contenuti principali

De Canio - parte 2

E a quanto pare la "cura" De Canio è servita : le ultime giornate hanno restituito ai napoletani una squadra degna d'ambizioni d'alta quota. Il tecnico però cerca di andarci piano con gli eccessivi entusiasmi che potrebbero risultare, al contrario, spiacevoli scottature. Definisce il Napoli una squadra al momento affidabile che però continua ad essere un cantiere aperto: attualmente gli sforzi più intensi del tecnico e della squadra si concentrano sulla scelta del modulo tattico più opportuno da attuare.In quest'ottica, nelle ultime giornate, gli azzurri si sono presentati in campo con un 4-4-2 (che ha esaltato soprattutto le qualità di difensori e centrocampisti) più confacente alle caratteristiche degli attuali giocatori rispetto al precedente 3-5-2 tipico delle precedenti esperienze tecniche di De Canio.Lo scopo indicato è quello di raggiungere col tempo la quadratura del cerchio: portare a casa i risultati offrendo uno spettacolo calcistico degno di una squadra di rango. 
 
Anche sul capitolo società il tecnico azzurro non usa le mezze parole tipiche del mondo del pallone, portando la discussione tecnica a sfiorare anche questioni, definiamole così, di natura organizzativa: "Una grande squadra" dice, "è sempre figlia di una grande società".Servono solide basi per durare nel grande calcio: così può sintetizzarsi il punto di vista dell'ex tecnico dell'Udinese. Quindi la società, risolti i problemi di proprietà, dovrà ripartire da una seria programmazione. Per guardare in modo positivo al futuro però non saranno sufficienti le risorse economiche: queste dovranno fare da supporto ad un'organizzazione capillare che consenta anche di sfruttare le potenzialità espresse dal calcio giovanile."Ci stiamo preparando al futuro ed anch'io mi interesso, in prima persona, del settore giovanile", afferma il mister. Poi aggiunge: " il Napoli deve e può diventare un modello a livello nazionale oltre che per il meridione.La Campania è da sempre un grande serbatoio di ottimi giocatori e molti di questi, tuttora, calcano i campi della serie A facendosi onore (n.d.r. basti pensare a Fabio Cannavaro, uno dei talenti partiti dalla città di Pulcinella). Il Napoli può autoalimentarsi, prendendo ragazzi dalle scuole calcio e diventando leader in serie A".  
 
Parla con sentimento De Canio, con l'amore che un uomo del Sud prova verso quella che rimane la più importante realtà sportiva presente da Roma in giù."Non sono di passaggio a Napoli" fa sapere l'allenatore materano; vuol provare a costruire qualcosa che rimanga nel tempo. Intanto, crediamo, gli sarebbe sufficiente ricalcare le orme di Walter Novellino, altro uomo del Sud che a Napoli, riuscendo sempre ad essere franco con i tifosi, ha lasciato un segno profondo nei cuori della gente (Maradona non c'era già più da un bel po': c'erano solo un allenatore giovane e serio, un grande gruppo, l'amore dei tifosi. Allora si tornò in serie A anche grazie ad un pubblico da record, poi qualcuno decise che era meglio disfare tutto: ma quella è un'altra storia). L'ultimo pensiero del pomeriggio al Corriere dello Sport Gigi De Canio lo rivolge ai tifosi, il vero patrimonio del Napoli aggiungiamo noi, lo stabile puntello che ha sorretto il Napoli durante questi anni di crisi nera." Adesso mi pare giusto che tornino allo stadio. Si sono fatti giustamente sentire e Domenica accetteremo, come sempre, sia gli applausi che i fischi: il Napoli squadra ha però dimostrato di meritare un po' di fiducia e adesso anche i problemi societari stanno vivendo un'importante evoluzione che si spera porti dei benefici". 

E poi conclude: "la squadra lotterà senza lesinare energie per restituire ai tifosi e alla città la posizione che gli compete. Siamo orgogliosi di rappresentare Napoli e per questo, vi assicuro, ce la mettiamo tutta in ogni partita. Proviamo a ripartire da qui".Parola di De Canio, davvero una persona seria!

Commenti

Post popolari in questo blog

LECCE 2 - 1 VENEZIA - parte 1

Si conclude a Lecce la deludente stagione 2001/2002 dei lagunari.

Mancava solamente l'ufficialità della retrocessione, finalmente sancita dalla freddezza dei numeri. Infatti, con ben 5 giornate d'anticipo, ecco che arriva anche la matematica ad annientare le residue e fantascientifiche speranze di salvezza degli arancioneroverdi; solo con un recupero da film da Oscar il Venezia avrebbe potuto rientrare nella lotta salvezza dopo un campionato d'andata così pessimo.
A dire la verità, già nelle partite di Coppa Italia e nelle prime cinque giornate, si erano trovati preoccupanti indizi circa la fragilità di questa squadra con una sola vittoria, fra l'altro sudatissima contro l'Ascoli, all'attivo.
Si aveva in effetti la sensazione di essere retrocessi già a fine settembre dopo le due sconfitte nei minuti di recupero con Inter e Bologna: 5 partite e 5 sconfitte sono uno svantaggio, soprattutto mentale, non indifferente.
Il Venezia conclude questo campionato…

Analisi sulla stagione del Venezia e il suo futuro, molto probabile, in serie A

Approfittando della sosta del campionato di serie "B" volevo concentrare la mia attenzione sul momento del Venezia proponendovi dei semplici quesiti a cui spero darete risposta.
Allego anche una seconda mail in cui fornisco le mie personali risposte . Se volete commentare anche quelle, sarò ben felice di leggere le vostre sensazioni .
1) Credete che il Venezia quest'anno ce la faccia a tornare subito in serie " A " ?
La promozione è ad un passo , non nascondiamocelo . E' anche vero che le partite con Ravenna , Pistoiese ed Empoli sono da vincere , ma non scordiamoci che col Chievo non è poi così scontata . Penso che ricorderai meglio di me come finì all ' andata col rigore di Maniero sbagliato proprio alla fine . . . Comunque questo dovrebbe essere uno stimolo in più per vendicarci dell'andata . 
Sul fatto del cuore da metterci non ci piove, il cuore da solo non basta mai , ma senza si va davvero poco lontano . . . ( Brescia - Inter inse…

FIFA 17 - CINA – COSTARICA

Raccontare la cronaca della partita servirebbe a ben poco, anche perchè priva di emozioni forti, e di contenuti tecnici importanti. Certo è che se Baggio avesse il passaporto Cinese ieri la Cina avrebbe vinto !!!
Le curiosità invece sono molte a cominciare dalla lettera aperta dei giocatori della Nazionale che prima del match hanno scritto al popolo cinese, chiedendo di non illudersi troppo sull’esito del Mondiale. <<Per ora siamo ancora una squadra debole, che cercherà di fare esperienza ai Mondiali>> hanno detto in coro i calciatori.
Questa cosa, però non è stata gradita dalla federazione calcio cinese, che ha interpretato questa mossa come un alibi, puntualizzando, anche che al tecnico Bora è stato chiesto espressamente di arrivare agli ottavi. Probabilmente è una mossa politica, per dare il “benservito” a Milutinovic dopo i mondiali. Per la partita contro il Costarica trasmessa in diretta da tutti i canali della CCTV (sono 7 !!) si dice che ha avuto un odi…