Passa ai contenuti principali

Analisi sulla stagione del Venezia e il suo futuro, molto probabile, in serie A

  • Approfittando della sosta del campionato di serie "B" volevo concentrare la mia attenzione sul momento del Venezia proponendovi dei semplici quesiti a cui spero darete risposta.
    Allego anche una seconda mail in cui fornisco le mie personali risposte . Se volete commentare anche quelle, sarò ben felice di leggere le vostre sensazioni .

  • 1) Credete che il Venezia quest'anno ce la faccia a tornare subito in serie " A " ?
    La promozione è ad un passo , non nascondiamocelo . E' anche vero che le partite con Ravenna , Pistoiese ed Empoli sono da vincere , ma non scordiamoci che col Chievo non è poi così scontata . Penso che ricorderai meglio di me come finì all ' andata col rigore di Maniero sbagliato proprio alla fine . . . Comunque questo dovrebbe essere uno stimolo in più per vendicarci dell'andata . 

    Sul fatto del cuore da metterci non ci piove, il cuore da solo non basta mai , ma senza si va davvero poco lontano . . . ( Brescia - Inter insegna . . .)
  • 2) Chi è il giocatore che quest'anno ha più contribuito alle fortune del Venezia ?Credo che Bettarini vada citato . Al pari di molti altri difensori svolge lavori " oscuri " ma quanto mai preziosi . Per fare un esempio stupido qui da noi Blanc è letteralmente l ' idolo della curva , molto più che Recoba . Allo stesso modo Bettarini . Non avrà le qualità tecniche di Maniero e Di Napoli , ma la sua parte - e spesso qualcosa di più - la fa sempre . Guarda la partita interna col Siena : due goal da antologia en fifa 14 ( punizione e colpo di testa ) preziosi come quelli degli attaccanti.

    Per quanto riguarda Brivio , io non sarei così pessismista . In fin dei conti Rossi è arrivato da relativamente poco tempo , e tutta la prima parte del torneo l ' ha giocata - spesso con buon merito - proprio Brivio . Tutti gli altri sono ottimi gregari che calati in una squadra ben amalgamata come siamo , fanno la loro bella figura .

Commenti

Post popolari in questo blog

LECCE 2 - 1 VENEZIA - parte 1

Si conclude a Lecce la deludente stagione 2001/2002 dei lagunari.

Mancava solamente l'ufficialità della retrocessione, finalmente sancita dalla freddezza dei numeri. Infatti, con ben 5 giornate d'anticipo, ecco che arriva anche la matematica ad annientare le residue e fantascientifiche speranze di salvezza degli arancioneroverdi; solo con un recupero da film da Oscar il Venezia avrebbe potuto rientrare nella lotta salvezza dopo un campionato d'andata così pessimo.
A dire la verità, già nelle partite di Coppa Italia e nelle prime cinque giornate, si erano trovati preoccupanti indizi circa la fragilità di questa squadra con una sola vittoria, fra l'altro sudatissima contro l'Ascoli, all'attivo.
Si aveva in effetti la sensazione di essere retrocessi già a fine settembre dopo le due sconfitte nei minuti di recupero con Inter e Bologna: 5 partite e 5 sconfitte sono uno svantaggio, soprattutto mentale, non indifferente.
Il Venezia conclude questo campionato…

De Canio - parte 2

E a quanto pare la "cura" De Canio è servita : le ultime giornate hanno restituito ai napoletani una squadra degna d'ambizioni d'alta quota. Il tecnico però cerca di andarci piano con gli eccessivi entusiasmi che potrebbero risultare, al contrario, spiacevoli scottature. Definisce il Napoli una squadra al momento affidabile che però continua ad essere un cantiere aperto: attualmente gli sforzi più intensi del tecnico e della squadra si concentrano sulla scelta del modulo tattico più opportuno da attuare.In quest'ottica, nelle ultime giornate, gli azzurri si sono presentati in campo con un 4-4-2 (che ha esaltato soprattutto le qualità di difensori e centrocampisti) più confacente alle caratteristiche degli attuali giocatori rispetto al precedente 3-5-2 tipico delle precedenti esperienze tecniche di De Canio.Lo scopo indicato è quello di raggiungere col tempo la quadratura del cerchio: portare a casa i risultati offrendo uno spettacolo calcistico degno di una squad…

Serie A : Campionato

Il Milan all'inferno La scelta di Ancelotti,  caldeggiato da molti già al momento dalla presentazione di Terim (paradossale vero?) da parte della dirigenza milanista, non sta dando i benefici sperati, anzi ha compromesso seriamente il proseguo sia del campionato, che della coppa Italia, ed il gioco è scaduto anche dal punto di vista spettacolare. Naturamente non si può gettare la croce esclusivamente sul tecnico milanista, in quanto non ha partecipato alla costruzione della squadra, anzi, di qualche giocatore ne avrebbe fatto volentieri a meno (state tutti pensando ad Inzaghi vero?)